fbpx
Soluzioni

AI e cloud ibrido tra le novità di Microsoft 365 e Azure

Microsoft integra in 365 e Azure nuovi servizi cloud e strumenti destinati ai "creators".

La conferenza annuale Microsoft Build 2019 è stata l’occasione per la casa di Redmond di presentare le nuove tecnologie e servizi che saranno a disposizione dei clienti. Le novità riguardano l’introduzione dell’AI in Microsoft 365, nuove app e servizi di collaborazione e nuovi strumenti di sviluppo sia per Azure, sia per Windows.

“Con la crescente integrazione della tecnologia in ogni aspetto della nostra vita, saranno proprio le scelte degli sviluppatori a plasmare il mondo che ci circonda”, ha dichiarato Satya Nadella, CEO di Microsoft. “Microsoft si impegna perciò a dotare queste figure professionali di piattaforme e strumenti affidabili a ogni livello del moderno stack tecnologico, per creare esperienze magiche che offrano a tutti nuove opportunità”.

Il cloud globale per Microsoft 365

Riflettori puntati sulle novità proposte per Microsoft 365, la suite che consente di avere soluzioni integrate e sicure per tutti, dalla grande azienda alla PMI.

La prima riguarda l’introduzione di Microsoft Graph data connect, disponibile al pubblico come funzione di Workplace Analytics e come SKU standalone per fornitori di software indipendentii il nuovo  servizio che, tramite Azure Data Factory, consente alle aziende di tutte le dimensioni di raggruppare i dati di produttività da Microsoft Graph e quelli commerciali in sicurezza e su larga scala. 

Altra interessante novità è Fluid Framework, pensato per offrire a team e persone nuove modalità di creazione condivisa. Si tratta di una nuova piattaforma web-based e di un modello di documento componentizzato per esperienze interattive condivise. Fluid per il momento sarà disponibile per gli sviluppatori nel corso di quest’anno tramite un kit di sviluppo software. Entro la fine dell’anno sono previste le prime esperienze Microsoft 365 potenziate da Fluid.

Corretti anche molte delle criticità di Microsoft Edge basato su Chromium OS che ha dato problemi coni principali browser. Nello specifico viene lanciata la Modalità IE che integra Internet Explorer direttamente in Edge grazie a un tab. Aumentano anche i controlli per la privacy: ora gli utenti possono scegliere tra tre livelli preimpostati: Unrestricted, Balanced e Strict. Infine con Collections sarà possibile raccogliere, organizzare, condividere ed esportare contenuti in modo più efficiente ed integrato con Office.

Novità per Azure Kubernetes Service

Azure Kubernetes Service (AKS) è uno dei servizi Azure che vantano la crescita più rapida. Le novità presentate comprendono in primis Kubernetes Event-driven Autoscaling (KEDA), un componente open source creato in collaborazione con Red Hat, che supporta l’uso di container serverless event-driven su Kubernetes. Spazio anche Azure Policy per AKS l’applicativo che permette di consente di mantenere imposizioni su larga scala dei cluster AKS in modo centralizzato e coerente. Azure Policy si occupa di bloccare eventuali violazioni che si verificano durante il runtime ed esegue valutazioni della conformità su tutti i cluster.

 

 

Tags

Altro dall'autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker