L’utilizzo del 5G in ambito business apre a nuovi scenari con cui le aziende dovranno confrontarsi. Se da un lato la maggiore velocità della connessione 5G consentirà una maggiore adozione dei dati mobile, non da meno saranno i problemi derivanti dalla sicurezza di tali dati e relativi dispositivi utilizzati. Secondo Dynabook questa nuova tecnologia rappresenta una grande opportunità per la digital transformation delle aziende sia dal punto di vista delle operations, sia delle infrastrutture. Massimo Arioli, Business Unit Director Italy, Dynabook Europe GmbH, ne ha analizzato le aree di maggiore impatto.

5G
Massimo Arioli, Business Unit Director Italy, Dynabook Europe GmbH

Con il 5G, spazio allo smartworking

Secondo le stime di Ericsson, entro il 2022 gli abbonati al 5G saranno oltre mezzo miliardo. Tra questi sicuramente ci saranno molti professionisti che usufruiranno delle velocità di connessione per accedere più rapidamente e in modo più efficiente e produttivo ai propri dati, da qualsiasi luogo. Questo però porterà alle aziende un nuovo scenario con cui dovranno confrontarsi per garantire la sicurezza degli endpoint collegati alla rete, che saranno presi di mira dai criminali informatici.  A conferma di questo viene in aiuto un report di ThreatMetrix, che parla, nel solo primo trimestre del 2018, di ben 80 milioni di cyber attacchi tentati in Europa, con un aumento del 30% rispetto all’anno precedente.

“Anche l’attenzione da parte delle aziende verso un rafforzamento della propria cyber security è in aumento”, ha dichiarato Arioli. La nostra ricerca Maximising Mobility ha confermato che la sicurezza dei datiè una priorità d’investimento per il 48% dei responsabili delle decisioni IT”.

La soluzione è l’edge computing

Secondo Massimo Ariolo, la crescita del 5G si tradurrà in un aumento dell’utilizzo di soluzioni di mobile edge computing per rafforzare la sicurezza perimetrale. L’elaborazione dei dati direttamente ai limiti della rete consentirà, infatti, di crittografare localmente i dati e di tradurli in un protocollo di comunicazione prima che siano inviati al core della rete tramite il cloud.

Inoltre, l’edge computing presenta benefici per la forza lavoro in termini di efficienza e produttività, poiché permette di ridurre lo spreco di dati e il carico sui servizi cloud, e supporta l’introduzione di partner device abilitati dall’IoT, in primo luogo i wearable, che troveranno pieno supporto una volta che il 5G sarà accessibile ovunque,


Danilo Loda

author-publish-post-icon
                  Vuoi rimanere sempre aggiornato?

           Iscriviti alla nostra             Newsletter!

                                  Tranquillo, ti disturberemo solo
                                     una volta al mese...per ora! 👹
Mi iscrivo!
close-link









 




 

 

Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link