NewsScenario

Chi controlla il multi-cloud, controllerà il futuro?

La riflessione di David Warburton, Senior Threat Research Evangelist EMEA di F5 Networks

Per mantenere la fiducia dei propri clienti è ormai indispensabile investire in sicurezza per poter proteggere l’enorme quantità di dati che ormai ogni azienda si trova ad avere. Per farlo però – spiega David Warburton, Senior Threat Research Evangelist EMEA di F5 Networks – è ormai indispensabile affidarsi al multi-cloud.

A dichiararlo è David Linthicum, Chief Cloud Strategy Officer di Deloitte Consulting, che spiega come il cloud continuerà a svilupparsi “a un tasso costante di innovazione”. Questa rapida evoluzione, unita alla disponibilità finanziaria dei provider hyperscale, potrebbe rendere il cambiamento l’unica costante applicabile al multi-cloud.

Che cosa significa? Che sarà necessario affidarsi e utilizzare nuove tecnologie come il machine learning, ma anche ricorrere alle architetture serverless per ridurre il time-to-market e semplificare i processi. Da non scartare naturalmente l’ipotesi di affidarsi a più cloud service provider. Il motivo? Semplice: permettere alle aziende di migrare rapidamente i carichi di lavoro in base alle proprie esigenze in qualsiasi momento, migliorando la flessibilità ed evitando di fare affidamento su un unico fornitore. Tutto questo spingerà inevitabilmente i professionisti IT a monitorare simultaneamente più servizi cloud contemporaneamente. Al momento alcune semplici dashboard di gestione che permettano di farlo sono già disponibili, ma in futuro saranno sempre più integrate con nuove tecnologie perché, in prospettiva, lo standard diverrà un’astrazione capace di estendersi all’intero stack, integrando servizi cloud, container e funzioni serverless.

In conclusione, se storicamente i costi rappresentavano il principale elemento di differenziazione nella scelta di un fornitore cloud, in futuro ci focalizzeremo sempre più su ciò che il cloud realmente può abilitare. Ormai appare evidente come nessuna opzione cloud singola potrà soddisfare al meglio tutte le esigenze di un’infrastruttura e che il futuro sarà un mondo multi-cloud in grado di abilitare una gamma ancora più ampia di opportunità, in termini di agilità, scalabilità, costi operativi e crescita dell’azienda. Unendo una sicurezza avanzata a soluzioni di automazione del cloud, le organizzazioni riusciranno a orchestrare l’utilizzo del cloud e gestire le operazioni in modo più efficace, per poter così prendere in mano le redini del futuro.

Tags

Team di redazione

L'account della redazione di Tech Business.

Altro dall'autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker