Mainframe DevOps

Compuware, arrivano nuove funzionalità per i Mainframe DevOps
La gestione integrata dei dati dei test e i test automatizzati garantiscono coerenza, accuratezza e sicurezza dei dati

2 min


Compuware annuncia nuove funzionalità per andare oltre nell’automazione dei test con l’integrazione della gestione dei dati di test nello sviluppo di applicazioni nei mainframe DevOps.

Consentendo ai team IT di raggiungere qualità, velocità ed efficienza senza pari, Topaz for Enterprise Data si interfaccia perfettamente con la soluzione Topaz for Total Test e ora integra la gestione dei set di dati nei test automatizzati. Grazie a una migliore automazione dei test “shift left” all’interno dell’Autonomous Digital Enterprisei dati diventano più coerenti, precisi e sicuri.

Mainframe DevOpsL’accelerazione delle capacità di innovazione, richiesta dalle aziende, sta esercitando una forte pressione sulle organizzazioni IT. Secondo un recente studio, l’85% di essi ha difficoltà ad accelerare i propri cicli di innovazione senza compromettere la qualità delle applicazioni, la sicurezza dei dati, l’esperienza del cliente o l’efficienza operativa. L’automazione dei test è citata come il fattore più importante per superare questi rischi.

Mainframe DevOps: ecco le nuove funzionalità in arrivo

La mancanza di accessibilità ai dati aziendali rilevanti e l’uso di metodi di test manuali impediscono alle organizzazioni di migliorare la qualità, la velocità e l’efficienza delle applicazioni mainframe. La profonda integrazione di Topaz per Total Test e Topaz per Enterprise Data consentirà ai team di:

  • Migliorare la coerenza del test. Il test automatico continuo richiede dati coerenti. Se questi non sono corretti, possono portare a risultati errati, perdita di tempo nella risoluzione degli incidenti o, peggio, introduzione di bug. D’ora in poi, i team saranno in grado di garantire la coerenza dei test inserendo, negli scenari di test, il caricamento dei dati dai backup. In caso di anomalia nel risultato del test automatizzato, gli sviluppatori possono attribuire con sicurezza il problema al codice e non ai dati.
  • Eliminare gli ostacoli e dare responsabilità agli sviluppatori: gli sviluppatori spesso fanno affidamento su un team specializzato o un amministratore di database per creare e caricare dati in un ambiente di test, una pratica spesso manuale, con tempi di risposta e tempi di trasferimento che ostacolano inutilmente la velocità e l’efficienza. Ora gli sviluppatori possono configurarsi e accedere facilmente ai dati giusti per eseguire i casi di test quando ne hanno bisogno.
  • Garantire l’adozione mediante test continui: il processo di estrazione e caricamento di set di dati riutilizzabili può far parte di una catena di strumenti di test automatizzati, migliorando di fatto la coerenza dei dati riducendo la sua complessità. Per aiutare gli sviluppatori a sbarazzarsi dei metodi manuali, l’automazione può essere configurata gradualmente per gestire correttamente la scala e il ritmo di adozione.
  • Proteggere i dati sensibili: grazie a questo processo integrato, una volta caricati i dati del test, questi possono essere resi anonimi per proteggere le informazioni personali identificabili (PII). L’automazione della privatizzazione dei dati attraverso test continui ridurrà il rischio di violazioni della sicurezza e perdita di dati.

“Le organizzazioni ad alte prestazioni nell’era del software sono focalizzate maniacalmente sulla rimozione dei colli di bottiglia nel rilascio del software, che creano perdite di tempo prezioso da dedicare allo sviluppo e sprechi di denaro ed energia”, ha affermato Chris O’Malley, CEO di Compuware. “Guidare l’automazione intrinseca attraverso una pipeline DevOps inclusiva del mainframe libera queste risorse di sviluppo permettendo ai team di concentrarsi al 100% sulla rapida e continua trasformazione di idee in risultati che fanno la differenza per i loro clienti, sempre meravigliosamente insoddisfatti. Questa non è più un’aspirazione IT. È un imperativo aziendale assoluto competere efficacemente per i propri clienti, sia attuali che potenziali.


Danilo Loda

author-publish-post-icon









 




 

Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link