Dynatrace PurePath 4

Dynatrace rilascia PurePath 4 per supportare il monitoraggio del cloud nativo
La tecnologia ora supporta OpenTelemetry e W3C Trace Context

1 min


Dynatrace sta rilasciando PurePath 4 come l’ultima versione della sua soluzione di tracciamento e visibilità dell’infrastruttura nativa del cloud, secondo un comunicato stampa sul sito web dell’azienda. La soluzione acquisisce e analizza le transazioni end-to-end in ambienti multi-cloud. Con i nuovi aggiornamenti, PurePath ora supporta OpenTelemetry e W3C Trace Context, nonché le più recenti architetture cloud native. Tra queste, service mesh e serverless computing per Amazon Web Services, Microsoft Azure e Google Cloud Platform.

DynatraceDynatrace offre funzionalità di monitoraggio della rete, dell’esperienza digitale e gestione delle prestazioni delle applicazioni.  I suoi strumenti di rete possono essere correlati con le metriche delle prestazioni delle applicazioni per fornire informazioni dettagliate su come le prestazioni della rete influiscono sull’esperienza dell’utente finale. Dynatrace offre visibilità che consente ai team IT di identificare rapidamente i servizi e i processi che presentano problemi di connettività di rete. Oltre a identificare i colli di bottiglia, le analisi Dynatrace possono aiutare le aziende a pianificare le risorse di rete e del server.

Dynatrace PurePath 4 al servizio dei team DevOps e CloudOps

Grazie a questi miglioramenti, Dynatrace ha aumentato la mole di dati e dell’ecosistema cloud nel tracciamento distribuito di PurePath, Questo consente ai team DevOps, CloudOps e delle applicazioni cloud di attuare un’osservabilità profonda e intelligente per ambienti cloud avanzati. Le nuove funzionalità di PurePath saranno disponibili per tutti i clienti Dynatrace entro i prossimi 90 giorni.

“Siamo stati pionieri nel tracciamento distribuito con l’introduzione di PurePath nel 2006 e abbiamo migliorato questa tecnologia con ogni cambiamento nello sviluppo di applicazioni e nel cloud computing, fino alle ultime app e architetture cloud native”, ha affermato Steve Tack, SVP of Product Management presso Dynatrace. “E come contributor chiave di OpenTelemetry, membri fondatori e co-presidenti del W3C Trace Context, siamo grandi sostenitori del movimento open standard per la tracciabilità degli ambienti moderni. Questi open standard estendono la portata della nostra osservabilità e, in qualità di unica piattaforma di osservabilità che integra automaticamente il tracciamento distribuito ad alta fedeltà con il monitoraggio dei log e le funzionalità avanzate di AIOps, vediamo una grande opportunità per portare valore esteso ai nostri molti clienti multicloud”.


Danilo Loda

100% "milanes", da una vita scrivo di bit e byte e di quanto inizia con on e finisce con off. MI piace tutto quello che fa rumore, meglio se con un motore a scoppio. Amo viaggiare (senza google Maps) lo sport, soprattutto se è colorato di neroazzuro.