Ford

Sfruttare l’innovazione portata dai droni per rendere più sicure le linee di produzione? A provarci è Ford, che ha coinvolto nel progetto alcuni suoi dipendenti dell’Engine Plant di Dagenham, nel Regno Unito. 

I droni coinvolti dal progetto di Ford

La casa automobilistica Ford ha voluto inserire nel progetto alcuni dipendenti coinvolti nella manutenzione degli stabilimenti, che hanno avuto il compito di testare le potenzialità dei droni per rendere più sicuri gli impianti.

I droni sfruttati all’interno del progetto sono infatti dotati di telecamere integrate perfette per ispezionare, in modo sicuro ed efficiente, le attrezzature complesse, o quelle aree dello stabilimento troppo alte per poter essere controllate dagli addetti.

Questi innovativi strumenti sviluppati dall’Ovale Blu saranno inoltre in grado di ispezionare tubazioni, localizzare perdite d’aria e controllare l’efficienza dei macchinari.

Una nuova evoluzione

Ford ha voluto effettuare questo esperimento per rendere più semplici e veloci i processi di controllo e manutenzione che, prima dell’utilizzo dei droni, avevano sempre richiesto almeno 12 ore di lavoro e l’impiego di molte piattaforme e impalcature automatizzate.

L’utilizzo dei droni darà invece la possibilità a tutti i dipendenti di controllare gli impianti in soli 12 minuti tramite telecamere GoPro, che permetteranno così di ispezionare l’intero impianto in soltanto 1 giorno.

Ford

Un lasso simile di tempo risparmiato renderà inoltre possibile, per il team dello stabilimento, controllare più volte la struttura, senza dover montare e poi rimuovere l’impalcatura necessaria.

A commentare questa innovativa soluzione è stato Pat Manning, Machining Manager dell’impianto dove il progetto avrà inizio, che ha affermato: “Avevamo bisogno di raggiungere altezze fino a 50 metri per eseguire le verifiche necessarie sul tetto e sulle aree di lavorazione. Ora possiamo coprire l’intero stabilimento in un giorno solo e, soprattutto, possiamo farlo evitando di esporre ad attività pericolose i membri del team”.

Cosa pensate del nuovo progetto della casa automobilistica?


Like it? Share with your friends!

Maria Elena Sirio

author-publish-post-icon
Videogiocatrice dall'infanzia, innamorata del fantasy e dell'avventura (ma, soprattutto, di Nathan Drake), con una passione per il disegno, il cinema e le serie tv, che tenta di conciliare tutti questi interessi con la facoltà di Biotecnologie.