Gender gap ricerca Kaspersky

Ricerca Kaspersky: gender gap diminuito per le donne italiane del settore tech
Passo positivo verso l'inclusività nel settore tech: il 49% delle donne italiane del settore ha notato una riduzione del gender gap

2 min


La ricerca di Kaspersky ha rilevato che negli ultimi due anni, quasi la metà delle donne italiane (49%) che lavora nel settore tech, ha notato una riduzione del gender gap nel proprio posto di lavoro. Il miglioramento è sensibile, ma la strada da percorrere è ancora lunga.

La ricerca Kaspersky sul gender gap in Italia

Dall’indagine effettuata da Kaspersky sono emersi segnali positivi circa la progressione dell’uguaglianza di genere. Infatti, il 49% delle donne italiane che lavora nel settore tech ha notato una riduzione del gender gap nel proprio luogo di lavoro. Inoltre il 71% ha dichiarato che la propria opinione viene rispettata sin dal primo giorno di lavoro e che le variabili che hanno inciso maggiormente sulla loro assunzione non includevano il genere ma unicamente competenze ed esperienza. La diffusione dello smart working ha avuto un ulteriore effetto positivo: il 45% delle italiane sostiene che l’uguaglianza di genere sia migliorata all’interno dei team che lavorano da remoto.

I dati emersi sono dunque incoraggianti, visto il breve lasso di tempo in cui è stato fatto questo salto in avanti. È un passo davvero positivo per l’inclusività delle donne nel settore tech ma allo stesso tempo però, i margini di miglioramento sono ancora molti. Il report Women in Tech di Kaspersky ha analizzato il lungo percorso verso la parità di genere e nonostante il miglioramento a livello globale in merito al gender gap, il 31% delle donne italiane ha affermato che la mancanza di quote rosa nell’industria tecnologica non le invoglia ad approcciarsi al settore. A questo si aggiunge che il 40% delle donne sostiene che la carriera degli uomini progredisca più velocemente della loro.

L’uguaglianza di genere nel mondo

L’indagine di Kaspersky mostra come i diversi Paesi stanno progredendo a ritmi differenti. È emerso che in Europa l’equilibrio tra i generi è peggiorato negli ultimi due anni. In Nord America invece si è riscontrato un miglioramento grazie al passaggio all’home working. In America Latina l’istruzione sta guidando l’empowerment tra le giovani donne nel tech. Nell’Asia Pacifica, le donne si sentono sempre meno minacciate e intraprendono carriere di successo. Per garantire un miglioramento a livello globale sono necessarie iniziative volte a sostenere la carriera delle donne nel settore tecnologico. Servono programmi di mentoring e stage che diano accesso a varie opportunità ed esperienze. Molte aziende hanno iniziato a introdurre quote rosa per garantire una maggior presenza di donne nel settore della tecnologia.

LEGGI ANCHE: Sabrina Curti è il nuovo Marketing Manager di ESET

Sono ancora molte le cose da fare, sempre secondo la ricerca. È importante affrontare la questione degli stereotipi di genere molto prima che le donne entrino nel mondo del lavoro. Bisogna coinvolgere le ragazze e incoraggiare il loro interesse verso il settore tecnologico fin già dalle scuole. Un altro passo in avanti sarebbe quello di favorire l’eliminazione dei pregiudizi personali durante il processo di assunzione. Questo potrebbe avvenire rimuovendo i dati identificativi dalle candidature, utilizzando comitati d’assunzione diversi invece di singoli individui e utilizzando reclutatori addestrati ad hoc. Il report Women in Tech è stato effettuato da Kaspersky, un’azienda di sicurezza informatica fondata nel 1997, che opera a livello globale.

OffertaBestseller No. 1
Remington Asciugacapelli Curl&Straight Confidence, 2200 Watt,...
  • Concentratore con design che si adatta alla forma della spazzola
  • Generatore di ioni per il 90% in piu per capelli liberi dall'effetto crespo
  • Colpo d'aria fredda per fissare la piega e funzione Turbo Boost
  • Spazzola rotonda da 45mm inclusa

Marzia Ramella

La mia serata tipo? Amici, pizza, film e un bel gioco da tavola. Amo i libri, i videogiochi, le serie tv, Harry Potter, i cartoni Disney, il mare, gli animali, viaggiare... insomma, di tutto un po'. Sono ottimista per natura, un pò lunatica e mamma di due cani bellissimi.