Google Cloud Next Londra, annunciate novità su AI e sicurezza

1 min


Google Cloud Next

Google ha approfittato dell’edizione 2018 dell’evento Google Cloud Next Londra per annunciare tante novità in ambito di Intelligenza Artificiale, sicurezza e machine learning.

Le novità sul Cloud a Google Cloud Next

Negli ultimi anni sempre più aziende, in Europa, Medio Oriente e Africa, hanno adottato il cloud, registrando una conseguente accelerazione dei propri business. Un’espansione simile ha anche portato con sé l’esigenza di nuovi metodi per attivare collaborazioni e comunicare con i team sparsi in diverse parti del mondo.

Questa necessità delle aziende ha spinto Google a concentrare una buona parte delle sue risorse proprio nei servizi cloud, impegno che si è realizzato con il lancio, annunciato a Google Cloud Next Londra, di quattro nuove regioni Cloud, ovvero Finlandia, Germania, Londra e i Paesi Bassi, e con l’annuncio di una nuova regione a Zurigo.

L’infrastruttura della società andrà inoltre ad ampliarsi ulteriormente attraverso l’Atlantico, permettendo ai clienti di usufruire di un servizio sempre più veloce e affidabile.

Novità anche per l’AI e il machine learning

Google è stata una tra le prime società a sfruttare le potenzialità dell’intelligenza artificiale e del machine learning che, poco dopo, sono state inserite in ogni servizio offerto dall’azienda.

L’espansione dell’utilizzo di questi strumenti ha spinto la società a lavorare ad una serie di novità nel campo dell’AI, annunciate in occasione di Google Cloud Next. Prima tra queste ultime è la realizzazione di un nuovo laboratorio di ricerca situato a Parigi che, oltre a rappresentare una presenza sempre crescente dell’azienda nel paese, andrà ad integrare anche l’Advanced Solutions Lab di Dublino.

A rendere i meccanismi di machine learning più veloci e accessibili in tutto il mondo sarà anche l’arrivo della versione beta dei Cloud TPU raffreddati a liquido di terza generazione.

Gli altri annunci dell’evento

All’interno di Google Cloud Next Londra la società ha voluto confermare il suo desiderio sempre crescente di continuare a intraprendere partnership con aziende dell’EMEA, finalizzate a permettere a chiunque di accedere ai servizi offerti da Google.

[amazon_link asins=’B076L188C9,B07D9TTFTH,B07C21X63R’ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’e5187431-d203-11e8-8850-a3c6d8cd48b0′]

A renderlo possibile sarà anche l’arrivo sul mercato di nuovi prodotti, tra cui Smart Compose su Gmail per cellulare, che andrà a supportare quattro nuove lingue: portoghese, spagnolo, francese e italiano.


Maria Elena Sirio

author-publish-post-icon
Videogiocatrice dall'infanzia, innamorata del fantasy e dell'avventura (ma, soprattutto, di Nathan Drake), con una passione per il disegno, il cinema e le serie tv, che tenta di conciliare tutti questi interessi con la facoltà di Biotecnologie.









 




 

Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link