indagine kaspersky

Indagine Kaspersky: i device dei dipendenti in smart working poco protetti
Solo un terzo dei dipendenti delle PMI ha ricevuto dall'azienda un dispositivo per lavorare da remoto

2 min


Una recente indagine Kaspersky ha evidenziato che durante la pandemia, il 62% dei dipendenti italiani delle piccole imprese, e il 57% in media nei Paesi coinvolti nella ricerca, non ha ricevuto dispositivi aziendali dai propri datori di lavoro. Questo dato scende in Italia al 51% se consideriamo i dipendenti di tutte le tipologie di aziende e al 45% in media in tutti i Paesi esaminati.

Indagine Kaspersky: poco nozioni di sicurezza trasmesse dalle aziende ai dipendenti in smart working

Il dato più allarmante però riguarda la sicurezza dei dispositivi utilizzati per lavorare da remoto. Infatti, secondo l’indagine Kaspersky, solo un terzo del personale delle piccole imprese (34%), il 26% per quanto riguarda l’Italia, ha risposto di aver ricevuto indicazioni sui requisiti di sicurezza IT per lavorare in modo sicuro sui dispositivi personali.

Queste indicazioni potrebbero includere, ad esempio, l‘installazione di una soluzione anti-malware eseguita da un utente o fornita dall’impresa, l’utilizzo di password forti e univoche su dispositivi e router Wi-Fi e l’aggiornamento regolare dei sistemi operativi dei dispositivi al fine di ridurre i rischi connessi a vulnerabilità non identificate.

indagine kasperskyAvere istruzioni di questo tipo è diventato ancora più necessario negli ultimi tempi, dato che il 42% dei dipendenti italiani delle piccole imprese ha ammesso di aver iniziato a memorizzare una maggiore quantità di informazioni aziendali rilevanti sui propri dispositivi di casa, oltre che nei servizi personali di cloud storage (24% dei dipendenti italiani, 25% del campione totale).

“Le piccole imprese possono trovarsi in circostanze difficili e la loro priorità è salvare la loro attività e i loro dipendenti nel corso del periodo di isolamento. In un momento del genere, la sicurezza informatica potrebbe passare in secondo piano. Tuttavia, implementare anche solo le misure IT di base può ridurre le possibilità di infezione da malware, la compromissione di pagamenti o la perdita di dati aziendali. Come hanno già raccomandato molti esperti di cybersecurity, le aziende possono condividere le conoscenze con i loro dipendenti per aiutarli a mantenere i loro dispositivi sicuri. Naturalmente, queste misure devono essere seguite non solo durante l’isolamento a casa ma anche dopo e in generale quando il personale lavorerà da remoto”, ha dichiarato Andrey Dankevich, Senior Product Marketing Manager, B2B Product Marketing di Kaspersky.

Per aiutare le PMI a sensibilizzare i dipendenti sul’importanza di tenere al sicuro i dispositivi che utilizzano sul blog Kaspersky si possono trovare dei suggerimenti su come utilizzare in sicurezza gli strumenti di collaborazione come, ad esempio, le soluzioni su cloud per l’archiviazione dei file e la gestione dei documenti o dei progetti.

Kaspersky Small Office Security -10Usr 1
  • Small Office Security - Protezione durante le attività lavorative
  • Pensato per le aziende con 5-50 postazioni, alcuni server e dispositivi mobili
  • La soluzione è preconfigurata e facile da gestire con una console in cloud

Danilo Loda

author-publish-post-icon









 




 

Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link