News

Intelligenza artificiale contro gli attacchi informatici

Nuovi strumenti creati da Check Point Software Technologies che utilizzano le IA per combattere gli attacchi informatici

L’Intelligenza artificiale è una presenza ormai costante nella nostra quotidianità. Check Point Software Technologies ha esplorato il mondo delle AI per adattarlo alla sicurezza informatica per la difesa degli attacchi virtuali. La Software house israeliana ha infatti creato tre strumenti per la prevenzione delle minacce in rete chiamati: Campaign Hunting, Huntress e Context-Aware Detection (CADET).

Campaign Hunting e Huntress

Grazie alle tecnologie AI per emulare l’intuizione umana, gli algoritmi di Check Point sono in grado di analizzare milioni di indicatori già noti e cercarne altri simili. Essi sono in grado di produrre un ulteriore feed di informazioni sulle minacce. Campaign Hunting è in grado di bloccare più del 10% degli attacchi rilevati.

Huntress è invece un motore in costante ricerca di file eseguibili malevoli, uno dei problemi più difficili da risolvere nella cybersecurity. Un file eseguibile può infatti compiere qualsiasi funzione una volta avviato perché non sta violando alcun limite. Ciò rende difficile capire se sta cercando di fare qualcosa di malevolo o meno. Huntress è in grado di rilevare questi file malevoli al di là di ciò che l’antivirus e l’analisi statica potrebbero trovare. Il 13% degli eseguibili maligni rilevati vengono trovati esclusivamente da questo motore.

L’intelligenza Artificiale di CADET

Anziché analizzare elementi isolati, CADET permette di esaminare un intero contesto e scoprire informazioni utili su determinati dati: per esempio, chi lo ha inviato, quando il dominio è stato registrato e chi lo ha registrato. Utilizzando il motore AI di CADET, è possibile raggiungere un verdetto univoco, accurato e contestualizzato.

Secondo Check Point Software Technologies le tecnologie AI non sono ancora abbastanza mature per essere utilizzate da sole. C’è ancora bisogno del supporto umano perché siano efficaci. Tuttavia, quando l’intelligenza artificiale verrà utilizzata come extra, la cybersecurity sarà ancora più all’avanguardia.

Tags

Daniele Cicarelli

Indigente giramondo con la grande passione per i videogiochi, l'Arte e tutte le storie Fantasy e Sci-Fi che parlano di mondi alternativi senza zanzare. Fermo sostenitore dell'innovazione, del progresso tecnologico e della superiorità del Tipo Erba. Dalla parte dei Villains dal 1991.

Altro dall'autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker