Il customer care al giorno d’oggi si trova ad affrontare sempre maggiori sfide, a causa anche del fatto che rappresenta la vera differenza tra i vari servizi. Laila si propone come soluzione a supporto del customer care con una rivoluzionaria intelligenza artificiale empatica.

Laila: chatbot conversazionale empatico e dotato di intelligenza artificiale

Laila-tech-chatbotLaila è  una piattaforma per la creazione di agenti conversazionali online in grado di sostituirsi nella gestione del customer service e del marketing. Attraverso questa piattaforma sarà possibile creare un certo numero di chabot 2.0 per supportarci nel nostro lavoro. Tutti i chabot creati comunque avranno sempre lo stesso motore in termini di algoritmi intelligenza artificiale: Laila appunto.

La tecnologia su cui si basa permette al chatbot di monitorare costantemente lo stato d’animo dell’utente (“sentiment”), di interpretare le sue esigenze indipendentemente dal linguaggio che utilizza, di ricercare la risposta nell’ambito delle informazioni aziendali a disposizione (come ad esempio cataloghi e basi dati) e di proporla nella forma che l’utente è in grado di comprendere meglio. Il software, dotato di intelligenza artificiale, riesce ad adattarsi nei vari contesti in cui opera per rispondere nel modo più preciso possibile alle varie richieste, il tutto supportato da un linguaggio naturale.

Carmine Pappagallo, co-fondatore di Mazer ci spiega i punti di forza

“La vera differenza con agenti conversazionali e chabot risiede nella capacità di Laila di empatizzare con l’utente, ed è proprio l’empatia la chiave di volta che permette l’ingaggio dell’utente e l’aumento della produttività. L’azienda anche in base al settore in cui opera può decidere come personalizzare il registro linguistico. Un linguaggio più colloquiale sarà adatto a realtà che operano con giovani e famiglie; al contrario un linguaggio più “tecnico” sarà sicuramente preferito da realtà tecnologiche o con clienti business”

Laila-tech-team

Laila come “Her”: l’intelligenza artificiale empatica che apprende

La visione d’insieme che ha caratterizzato lo sviluppo di Laila è stata ispirata dal film “Her”, in cui il sistema operativo era basato su di una avanzatissima intelligenza artificiale in grado di evolversi con l’utente, simulare sentimenti ed emozioni umane fino ad arrivare ad uno stato di senzienza. Per quanto sia ancora lontana questa realtà, sono comunque stati fatti passi in avanti notevoli. Laila è in grado di sostenere una conversazione con l’utente che può esprimersi liberamente, non più legato ai soliti algoritmi di scelte multiple. Inoltre è in grado di rispondere con un linguaggio naturale in modo da non far percepire al cliente la differenza con un operatore umano. Dai dati rilevati il 50% degli utenti non è stato in grado di capire che Laila non è un essere umano ma un chatbot, il 19% degli utenti che dialogano con Laila la ringraziano per le informazioni ricevute e, una parte degli utenti ha addirittura flirtato con l’IA.

Laila è già disponibile per la distribuzione

Attualmente il software è in produzioni su 3 differenti piattaforme e-commerce ed opera in totale autonomia 24/7 sostituendo completamente l’operatore umano nell’assistenza online via chat. Attraverso il sito laila.tech è possibile attivare tre differenti pacchetti a seconda delle esigenze e dell’obiettivo che si desidera raggiungere. Tutti e tre i pacchetti sono in abbonamento mensile e prevedono una fase iniziale di setup per “registrare” il software sulle esigenze del cliente.


Alessandro Santucci

author-publish-post-icon
Videogiocatore nato, perito informatico, lettore, nerd, imprenditore digitale.. Mi piace definirmi "Apprendista": un apprendista multidisciplinare, essere apprendisti è uno stile di vita, non si smette mai di imparare.