LeaderNewsScenario

Lenovo Intelligent Futures: gli ambienti lavorativi del futuro

Come cambieranno gli ambienti di lavoro nei prossimi anni? Lenovo ha cercato di fare un punto della situazione.

È arrivato anche in Italia Lenovo Intelligent Futures il roadshow europeo di Lenovo, in cui la compagnia cerca di riassumere come tecnologie e contesti sociali influenzino il mondo del lavoro, per creare un ambiente sempre più smart e interconnesso. Con il progresso, strumenti classici diventano sempre più intelligenti, cambiando l’interazione con essi. La direzione è sempre più verso un consumo consapevole, con crescita della produttività e della semplicità delle connessioni.

L’impatto dei Millennial sul mondo del lavoro

Studiando i dati presentati al Lenovo Intelligent Futures si può notare come una buona parte della forza lavoro sia costituita da persone nate dopo il 1980, i cosiddetti Millennial. Questa generazione è la prima che è entrata a contatto con il digitale fin dall’infanzia, trovandosi perciò molto più a proprio agio con le nuove tecnologie rispetto ai genitori.

La crescita di questa fascia d’età nel mondo del lavoro si accompagna a una riduzione delle dimensioni fisiche degli uffici e un aumento del cosiddetto smart working. Dai dati emerge un calo del 30% dal 2010 a oggi delle superfici di lavoro negli Stati Uniti. Sono gli effetti della Digital Transformation o, per dirla con le parole di Lenovo, della Intelligent Transformation.

Quello che le aziende richiedono oggi è la possibilità di avere una connettività rapida e stabile e strumenti di lavoro sempre accessibili per favorire la collaborazione in mobilità. Questo affiancato a sistemi di sicurezza affidabili, considerati assolutamente fondamentali. I dati e la privacy sono sotto attacco ogni giorno ed è importante poterli difendere al meglio.

Lenovo Intelligent Futures: come avere un ufficio più smart

Lenovo Intelligent Futures ThinkSmart Hub 500

Lenovo offre ovviamente alle aziende prodotti unici per soddisfare le proprie esigenze. Un ottimo esempio di ciò è il Lenovo ThinkSmart Hub 500, con cui è possibile trasformare qualsiasi spazio in una sala riuioni Skype for Business. I display di grandi dimensioni, i microfoni a 360° e la qualità sonora garantita da Dolby Audio premium, lo rendono lo strumento perfetto per uno smart working concreto.

L’inclusione dei giovani è ancora più funzionale se gli strumenti che hanno a disposizione sono simili a quelli che usano nel proprio tempo libero. L’idea è ottenere un equilibrio tra produttività, inclusione e contributo personale. Un prodotto come il Lenovo ThinkPad X1 Extreme può quindi offrire le prestazioni necessarie per l’operatività, ma essere un ottimo compagno anche al di fuori dell’orario di lavoro.

Con i propri strumenti Lenovo punta ad aiutare sempre di più le aziende a raggiungere l’Intelligent Transformation.

Emanuele Baldi, Amministratore Delegato e General Manager di Lenovo in Italia ha commentato così:

Per molti anni le aziende hanno messo il cliente al centro della loro mission; in Lenovo la chiamiamo customer centricity. L’Intelligent Transformation è un passo oltre: consiste nell’unire l’attenzione al cliente con l’esperienza d’uso dei dispositivi che proponiamo al mercato e, d’altro canto, l’abilità di attrarre i migliori talenti nelle aziende. La tecnologia, grazie alla sua capacità di ingaggiare e motivare talenti, è un importante fattore abilitante nell’impresa moderna, in grado di liberare il potenziale del più importante valore di ogni azienda: le persone che ne fanno parte“.

Per maggiori informazioni su Lenovo e i prodotti che offre, vi invitiamo a visitare il sito ufficiale dell’azienda.

Tags

Mattia Chiappani

Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.

Altro dall'autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker