mercato europeo PC

Il mercato europeo dei PC cresce grazie allo smart working
I laptop trascinano il mercato PC in Europa nell'ultimo trimestre

2 min


Il mercato europeo dei PC, che comprende desktop, laptop e workstation, ha registrato una forte crescita nel terzo trimestre dell’anno in corso. Il dato riporta un aumento del 11,7% rispetto all’anno precedente grazie alle 21 milioni di unità vendute, secondo quanto riportato da IDC. La domanda di PC da parte dei consumatori in questo trimestre è stata imponente, con un aumento del 29,3% rispetto all’anno passato.

In Europa occidentale, le vendite sono aumentate del 10,2% rispetto all’anno scorso, grazie all’eccezionale domanda di laptop. Tra “back to school” e le esigenze di apprendimento a distanza, insieme alla grande mole di ordini arrivati dai “videogiocatori, sono stati i fattori che hanno aiutato il mercato a decollare. Lenovo, HP e Apple hanno fatto la parte del leone in Europa occidentale, ma è proprio il produttore cinese il più felice visto che sta piano piano erodendo quote di mercato ad HP per diventare il brand leader del mercato.

Le vendite consumer guidano il mercato europeo dei PC

Le vendite di PC alle aziende in Europa occidentale, al contrario, sono diminuite del 4,5% rispetto all’anno precedente. Soprattutto si registra un calo di vendite di computer desktop, pari a -52,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno 2019. Secondo IDC questo calo è dovuto alle scorte di magazzino già impiegate sul mercato e sul fatto che, incoraggiando lo smart working, gli uffici restano in gran parte chiusi. I portatili, invece, hanno continuato ad essere molto richiesti, crescendo del 24,8% rispetto all’anno precedente. Nonostante ciò, la domanda di laptop non è riuscita a compensare la debolezza dei desktop.

I mercati PECO (Europa Centrale e Orientale) e MEA (Africa e Medio Oriente) hanno registrato buoni risultati nel terzo trimestre del 2020, con il PECO che ha superato la regione MEA. Nei PECO, il mercato tradizionale dei PC è cresciuto del 19,5% rispetto all’anno precedente, trainato dalla domanda nei segmenti commerciale e consumer.

La top 5 dei brand

HP ha mantenuto la sua posizione di leader con una quota di mercato del 25,1%. La crescita delle vendite nel mercato consumer (+ 8,7% sull’anno precedente) non è stata sufficiente a compensare il calo delle vendite a livello business (-7,5% sull’anno precedente), che ha determinato un calo complessivo del 2,1% rispetto all’anno precedente.

Lenovo è rimasta al secondo posto con una quota di mercato del 23,4%. Anche la crescita di Lenovo è legata alle continue vendite on demand di dispositivi per il lavoro e l’apprendimento a casa.

Anche Dell ha mantenuto la sua posizione, registrando la terza quota di mercato più alta con il 10,9%. Per la prima volta dopo 16 trimestri consecutivi, le vendite sono diminuite del 6,6% rispetto all’anno precedente.

Asus è al quarto posto davanti ad Acer, con una quota di mercato del 9,5% e una crescita delle vendite del 66%. Acer chiude questa Top 5 con una quota di mercato del 9,2% e una crescita delle vendite del 25,7%.


Danilo Loda

100% "milanes", da una vita scrivo di bit e byte e di quanto inizia con on e finisce con off. MI piace tutto quello che fa rumore, meglio se con un motore a scoppio. Amo viaggiare (senza google Maps) lo sport, soprattutto se è colorato di neroazzuro.