fbpx
Soluzioni

Microsoft Teams ora supporta l’assistente digitale Oracle

Oracle migliora il proprio Digital Assistant e lo integra anche in Microsoft Teams. In arrivo anche 20 nuovi datacenter

L’assistente digitale di Oracle è ora disponibile in Microsoft Teams. Ma non è tutto: l’assistente AI ha ricevuto numerosi altri aggiornamenti, tra cui la capacità di interagire tramite comandi vocali, la sicurezza di livello aziendale per le registrazioni vocali e la capacità di rispondere a comandi vocali più complessi.

La notizia è stata annunciata alla conferenza OpenWorld che si è tenuta ieri a San Francisco. Come parte dell’integrazione di Microsoft Teams, gli utenti di di quest’ultimo servizio e quelli di Office 365 potranno accedere ai robot aziendali Oracle dall’App Store di Microsoft Teams. A giugno Oracle e Microsoft hanno annunciato una partnership per l’interoperabilità tra Microsoft Azure e Oracle Cloud Applications in modo che un cliente potesse, ad esempio, gestire un database in un cloud e le applicazioni in un altro.

Migliora la piattaforma Oracle Digital Assistant

La piattaforma Oracle Digital Assistant – introdotta per la prima volta all’evento OpenWorld dell’anno scorso – offre ai dipendenti un modo colloquiale per completare una serie di attività associate a marketing, vendite, assistenza clienti, help desk IT, gestione delle risorse umane, recruting ed ERP.

Da allora, l’azienda americana ha introdotto integrazioni con Slack, Facebook Messenger e WeChat, nonché assistenti popolari come Alexa, Siri e Google Assistant. Il Digital Assistant è in grado di rispondere a comandi vocali più complessi e come domande di follow-up con analisi semantica.

Aggiornamento anche per l’SDK

Anche l’SDK dell’assistente ha ricevuto un aggiornamento che ora gli consente di poter comprendere scambi di conversazioni più espressivi nelle interazioni vocali e i particolari tipi di parole che gli utenti aziendali impiegano normalmente durante il lavoro. Ad esempio “key account director” o “KAD” fanno ora parte del vocabolario dell’assistente Oracle. Le aziende possono anche produrre e incorporare i propri dati delle conversazioni. Il vocabolario per l’assistente AI di Oracle è progettato per settori verticali come finanza e banche, hospitality management, costruzioni, servizi pubblici e telecomunicazioni.

Un altro annuncio di Oracle all’OpenWorld riguarda l’apertura di 20 nuovi datacenter di aree cloud in tutto il mondo entro la fine del 2020.

Altro dall'autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker