NetApp Spot

NetApp acqusisce Spot e si rafforza nell’Application Drive Infrastructure
Insieme le due aziende puntano a diventare leader nel settore delle Application Driven Infrastructure

2 min


Nell’ambito del suo obiettivo di affermare la leadership nel campo dell’infrastruttura orientata alla alle applicazioni, NetApp ha siglato un accordo per acquisire Spot, azienda attiva nella gestione di ambienti cloud pubblici e nell’ottimizzazione dei relativi costi

Le aziende affermano che questa integrazione tra le competenze di entrambe le aziende può aiutare i clienti a risparmiare fino al 90% delle spese da sostenere per l’elaborazione e l’archiviazione nel  cloud, oltre a incoraggiare l’accelerazione dell’adozione del cloud pubblico. Un risultato importante che sarà a disposizione dopo l’acquisizione sarà la creazione di un’infrastruttura basata sulle applicazioni, volta a consentire ai clienti di distribuire più applicazioni su cloud pubblici.

NetApp è ora in grado di raggiungere questo obiettivo tramite la piattaforma ‘as-a-service’ di Spot, che consente l’ottimizzazione continua sia di elaborazione sia di archiviazione per gli operatori i IT tradizionali che utilizzano applicazioni aziendali, carichi di lavoro nativi nel cloud e data lake.

NetApp Spot“Nei cloud pubblici di oggi, la velocità rappresenta la nuova unità di misura. Tuttavia, gli sprechi nei cloud pubblici causati da risorse inutilizzate e sovradimensionate sono un problema crescente e significativo per i clienti, e rallentano l’adozione del cloud pubblico”, ha dichiarato Anthony Lye, senior vice president e general manager, Public Cloud Services, di NetApp. “La combinazione della piattaforma leader di storage condiviso per blocchi, file e oggetti di NetApp con la compute platform di Spot fornirà una soluzione leader per l’ottimizzazione continua dei costi per tutti i workload, sia cloud-native che legacy. I clienti che ottimizzano sono clienti soddisfatti e i clienti soddisfatti utilizzano maggiormente il cloud pubblico. “La combinazione della principale piattaforma di archiviazione condivisa di NetApp per blocchi, file e oggetti e la piattaforma di calcolo di Spot fornirà una soluzione leader per l’ottimizzazione continua dei costi per tutti i carichi di lavoro, sia nativi che cloud.”

NetApp e Spot, per essere più forti nell’Application Driven Infrastructure 

Spot fornisce una combinazione di strumenti per la visibilità e l’automazione, che guidano l’ottimizzazione continua dei workload in un’unica piattaforma mantenendo sia lo SLA che lo SLO. Ciò solleva i team DevOps, CloudOps e FinOps dall’onere e dalla complessità di gestire, scalare, sintonizzare e ottimizzare le risorse cloud in modo da potersi concentrare sull’innovazione aziendale mantenendo sotto controllo il budget.

“Spot è stata fondata allo scopo di rivoluzionare il modo in cui le aziende consumano i servizi di cloud infrastructure, utilizzando l’analisi e l’automazione per fornire l’infrastruttura più affidabile, più performante e più efficiente in termini di costi per ogni workload su ogni cloud”, ha dichiarato Amiram Shachar, Fondatore e CEO di Spot. “Siamo entusiasti di entrare a far parte della famiglia NetApp e di costruire insieme il futuro dell’Application Driven Infrastructure, aiutando i clienti a distribuire più carichi di lavoro nel cloud”.

NetApp SpotL’acquisizione, i cui termini non sono stati resi noti, dovrebbe concludersi nella prima metà dell’anno fiscale di NetApp ed è soggetta al soddisfacimento di alcune approvazioni normative e di altre consuete condizioni di chiusura.

L’acquisizione di Spot arriva solo un mese dopo quella di CloudJumper, che ha permesso a NetApp di lanciare il proprio servizio di desktop virtuale (VPS).

.


Danilo Loda

100% "milanes", da una vita scrivo di bit e byte e di quanto inizia con on e finisce con off. MI piace tutto quello che fa rumore, meglio se con un motore a scoppio. Amo viaggiare (senza google Maps) lo sport, soprattutto se è colorato di neroazzuro.









 




 

Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link