Oracle cloud on premise

Oracle porta il cloud on premise con Dedicated Region [email protected]
La cloud region porta tutti i servizi di seconda generazione nel data-center del cliente, compreso Autonomous Database

1 min


Oracle ha voluto rispondere alle richieste dei propri clienti con un’offerta che permetta di portare i servizi del suo cloud di seconda generazione on premise nei data-center dei clienti. Nasce Oracle Dedicated Region [email protected]. Avrà un costo che parte dai 500.000 dollari al mese e porta dietro il firewall dei clienti anche servizi come Oracle Autonomous Database e le applicazioni SaaS.

Oracle porta il cloud on premise

Oracle Dedicated Regione [email protected] porta lo stesso set completo di servizi, le stesse API e i livelli di servizio (SLA) on premise, nei data-center dei clienti. Questo consentirà di affrontare problemi di sicurezza direttamente dietro il firewall: se non esistono soluzioni totalmente sicure, questa è quanto di più vicino esiste.

Una soluzione perfetta per le aziende che operano in settori molto regolamentati, che vogliono garantire livelli di latenza minimi e rispettare i requisiti di residenza dei dati (“data sovereignity”). Ma che non vogliono rinunciare alle soluzioni più moderne con costi operativi gestibili. Oracle Dedicated Region [email protected] permette un forte “isolamento” dei dati, comprese le API operazionali, che restano nel data-center di proprietà.

Autonomous Database su Exadata [email protected]

Exadata era già una piattaforma database velocissima, grazie all’integrazione perfetta con l’hardware che è costata un’enorme sforzo ingegneristico a Oracle. Oggi si arricchisce con Autonomous Database, che può funzionare come offerta a sé stante o come parte di Oracle Dedicated Region [email protected]

Con Autonomous Database su Exadata [email protected] passare ad un modello di cloud pubblico ma on premise è rapidissimo. Le applicazioni esistenti nel data-center possono connettersi e avviarsi senza bisogno di modifiche e senza che si avventurino oltre il firewall aziendale.

Il passaggio al cloud sarà automatizzato e gestito da Oracle. Questo include provisioning, turning, clustering. Ma anche protezione dai disastri, scalabilità elastica, sicurezza e patching di eventuali problemi. Eliminando i processi manuali si annullano anche gli errori umani, riducendo i costi ed aumentando le performance. Il tutto con un modello pay-per-use che assicura efficienza anche in termini di costi. Che scendono fino al 90% in meno, perché l’attenzione è sui dati, non sull’infrastruttura generale.

Oracle non solo permette di portare il cloud on premise ma rende automatico e semplice il passaggio. Tutti i vantaggi del cloud, tutta la sicurezza di non lasciare mai il proprio data-center.

Microsoft Surface Book 3 da 13.5", Core i7, 16 GB, SDD 256 GB,...
  • Abilitato per Windows Hello
  • GPU NVIDIA GTX GeForce, fino a 1TB di spazio di archiviazione e fino a 32 GB di RAM
  • Durata della batteria: fino a 17.5 ore di autonomia e standby ottimizzato
  • 3 versatili modalità di utilizzo: portatile, studio e tablet
  • Processori Intel Core Quad-Core di decima generazione


Stefano Regazzi

author-publish-post-icon
Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.









 




 

Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link