fbpx
FeaturedProdotti

Recensione Lenovo Yoga C630 WOS: un notebook votato alla mobilità

Vale la pena acquistare il PC Lenovo basato su Qualcomm Snapdragon 850?

Lenovo Yoga C630 WOS è uno dei primi portatili con Windows 10 e processore ARM. D’altronde lo suggerisce anche il nome: WOS infatti sta per Windows On Snapdragon. A bordo quindi troviamo il SoC Qualcomm Snapdragon 850 con modem x20 integrato. Una combinazione che promette un’autonomia incredibile e la possibilità di collegarsi alla rete 4G. Tutto questo per consentire agli utenti di lavorare in mobilità senza vincoli. Ma funziona davvero?

Parola d’ordine: portabilità

Lenovo Yoga C630 WOS è realizzato in alluminio e magnesio, un mix che vi permette di avere tra le mani un notebook leggero, sottile ed estremamente “portatile”. Con i suoi 1,2 kg infatti non avrete difficoltà a tenerlo in qualsiasi zaino e borsa, portandolo con voi in ufficio, in treno, al bar oppure in aereo. Il tutto senza gravare eccessivamente sulle vostre spalle.

Particolarmente comoda poi la tastiera. Prima di tutto poiché è circondata da una particolare verniciatura che rende le superficie morbide al tatto, una sensazione insolita ma incredibilmente piacevole. I tasti poi sono ben spaziati, retroilluminati e con una corsa breve ma tutto sommato soddisfacente. Insomma, scrivere, anche per lunghi periodi, non sarà affatto spiacevole.

Liscio e preciso il touchpad, comodissimo il lettore d’impronte e particolarmente apprezzato il tasto di accensione/spegnimento che troviamo sul profilo destro. Quest’ultimo infatti include un piccolo LED di stato che vi aiuta a capire al volo se il PC è accesso o se la batteria si sta esaurendo.

Meno entusiasmanti invece l’audio e gli ingressi in dotazione. Il primo, stereo e associato a due speaker situati ai bordi della tastiera, vanta un volume moderato e bassi poco convincenti, mentre gli ingressi si limitano a due porte USB-C e ad un jack da 3,5 mm. E se ricevete una penna USB tradizionale? Purtroppo dovrete utilizzare un adattatore, da acquistare separatamente.

Terminiamo la panoramica con il display da 13,3 pollici, IPS, con risoluzione Full HD e cornici davvero davvero sottili. Perfetto per lavorare o per guardare un buon film, magari approfittando della particolare cerniera di Lenovo che vi consente di piegare il terminale ed utilizzarlo come un tablet o in modalità tenda. Lo schermo supporta inoltre la Lenovo Pen, inclusa nella confezione e ideale per prendere appunti, revisionare documenti oppure fare rapidi schizzi.

Cosa può fare Qualcomm Snapdragon 850?

Prima di parlare delle specifiche performance del dispositivo e di cosa potete (o non potete) fare con questo device, permettetemi di aprire una parentesi sul SoC che utilizza.

Lo Snapdragon 850 è di fatto un processore octa-core Kyro 385 a 64-bit e 2,95 GHz. Praticamente l’equivalente di quello Snapdragon 845 che abbiamo visto lo scorso anno sugli smartphone top di gamma che hanno popolato il mercato. Ad accompagnarlo abbiamo il già citato modem x20, la GPU Adreno 630, il supporto al WiFi ac e al Bluetooth 5.0 ed un sistema di sicurezza integrato. Insomma, di base questo SoC vi offre tutto ciò di cui avete bisogno.

Ma quali sono i vantaggi rispetto ad un tradizionale processore della concorrenza? Prima di tutto l’autonomia. Qualcomm promette addirittura 25 ore di autonomia e la possibilità di accendere Lenovo Yoga C630 WOS in un istante. Lo Snapdragon 850 è inoltre progettato per tenervi connessi ovunque e in qualsiasi momento sfruttando sia il WiFi che il 4G, ma anche per offrirvi tutto l’intrattenimento di cui avete bisogno grazie al supporto all’HDR e ai video in 4K. E poi c’è lei, l’ormai onnipresente Intelligenza Artificiale che si occupa, tra le varie cose, dell’accelerazione hardware.

Insomma, sulla carta i vantaggi offerti da questo SoC sembrano parecchi, ma com’è nella vita reale?

La quotidianità con Lenovo Yoga C630 WOS

Ho passato un paio di settimane con Lenovo Yoga C630 WOS e mi è piaciuto parecchio. E’ comodo da trasportare, è perfetto per modificare documenti, navigare in Internet e gestire le email e, infine, vi permette di rimanere sempre connessi. VI basta inserire una nanoSIM con un corposo piano dati per lavorare ovunque e in qualsiasi momento, senza dipendere in alcun modo dal WiFi.

L’autonomia dipende strettamente da ciò che farete e da quale sistema operativo utilizzerete. Di default infatti troverete Windows 10 S, la variante che impedisce l’installazione di tutti quei programmi non presenti all’interno del Microsoft Store. Questo vi permette di guadagnare qualcosa in termini di autonomia, ma rischia di bloccare parte del vostro abituale flusso di lavoro. Ecco perché ho scelto di passare a Windows 10 Home. Tranquilli, l’upgrade è gratuito e praticamente indolore. Bastano giusto pochi click. Cosa succede però alla batteria quando iniziate ad installare software esterni come Google Chrome, Adobe Photoshop e i vari sistemi di messaggistica? Naturalmente l’autonomia si riduce. Con un uso medio potete arrivare a coprire circa 15 ore, che scendono a 7/8 con compiti più gravosi e la luminosità del display sempre al massimo.

E le performance? E’ qui che dovrete scendere a patti con Lenovo Yoga C630 WOS. Il notebook, nonostante gli 8 GB di RAM, fatica a garantire ottime performance quando sottoposto ad un po’ di sano stress, come l’editing fotografico con Photoshop o la creazione di immagini con Illustrator. Ci sono poi software che non supportano l’emulazione su ARM, tra cui Adobe Premiere Pro, indispensabile per chi, come me, si occupa di video editing.

Attenzione poi allo spazio di archiviazione. La memoria UFS 2.1 da 128 GB potrebbe non essere sufficiente, soprattutto se pensate di installare parecchi programmi.

A chi è dedicato Lenovo Yoga C630 WOS?

Lenovo Yoga C630 WOS è un laptop insolito ma, a mio avviso, potrà facilmente catturare l’attenzione di coloro che lavorano in mobilità, di chi ha bisogno di una batteria incredibilmente longeva e di tutti quelli che odiano dipendere dagli hotspot sparsi per la città. Tutto questo a patto che i compiti che il vostro PC dovrà svolgere si limitino alla suite Office, all’utilizzo del browser e a qualche software per la collaborazione del team. Vi suggerisco poi di affidarvi a OneDrive o a qualunque altro sistema di archiviazione cloud, così da non intasare il PC con troppi file visto che lo spazio a vostra disposizione è limitato.

Lo so, non ho parlato di prezzi. In Italia purtroppo il costo non è ancora stato annunciato, così come la data d’uscita ufficiale. Sappiate però che negli Stati Uniti viene venduto a partire da 849 dollari, quindi aspettatevi un prezzo analogo o di poco superiore.

Lenovo Yoga C630 WOS

  • Elegante e leggero
  • Sempre connessi grazie al 4G
  • Autonomia incredibile
  • Perfetto per la mobilità
  • Non adatto a compiti gravosi
  • Ingressi ridotti
  • Spazio a disposizione sotto la media
Tags

Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.

Altro dall'autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker