sap italia trasformazione aziende 2020 covid

Una nuova strada per le aziende nel 2020
Il 2020 richiede un approccio tutto nuovo per le aziende. Ce lo ha spiegato il CEO di SAP Italia

3 min


Qualche giorno fa abbiamo avuto l’opportunità di partecipare a un incontro (virtuale) con Emmanouel Raptopoulos, CEO di SAP Italia. Al centro  della discussione c’erano tutte le trasformazioni a cui abbiamo dovuto assistere nell’ultimo periodo e che stanno cambiando il tessuto sociale delle aziende in Italia e nel mondo. Dalla sua voce abbiamo potuto scoprire come i CEO si stanno adattando alla nuova realtà. Un’agenda nuova, che punta su nuove linee guida.

La trasformazione tecnologica ha accelerato

sap italia trasformazione aziende 2020 covid
Emmanouel Raptopoulos, CEO di SAP Italia

Inutile negarlo. Il COVID-19 ha e avrà un impatto importante sulla nostra economia e non in positivo. Lo dimostra un’indagine di condotta da IDC lo scorso aprile che ha coinvolto più di 500 manager in tutto il mondo. Il 70% delle aziende pensa infatti che ci sarà un calo di fatturato per il 2020. Tuttavia, è interessante notare come solo il 38% pensi che questo porterà a una riduzione della spesa per l’IT.

Dopotutto la tecnologia è diventata uno strumento fondamentale. È importante però ricordare che non è qui che si trova il valore generato da un’azienda. Per usare il paragone del CEO di SAP Italia, oggi questi strumenti sono come il fax negli anni ’80: sono indispensabili per fare business, ma non sono il business.

Per questo motivo le aziende dovrebbero proseguire nel processo di trasformazione digitale. Sviluppare nuovamente il proprio ambiente lavorativo, riorganizzandosi per sfruttare al massimo le nuove opportunità. E questo processo passa inizialmente dallo stabilire nuove priorità, anche e soprattutto nel campo digital

Sì, ma quali sono? Ce lo spiega SAP Italia

Il lockdown ha cambiato moltissimo le abitudini degli italiani. Uno degli aspetti forse più toccati, sin dai primi momenti della pandemia riguarda l’approccio nei confronti degli acquisti online. Da questo punto di vista i dati suggeriscono un salto in avanti di 10 anni per il settore. Dopotutto, tantissime realtà si sono rese conto che era necessario avere un proprio spazio online per continuare a sopravvivere e che dovesse essere solido.

È interessante notare come le priorità delle aziende a gennaio raramente comprendessero l’e-commerce, spesso inserito in fondo alla lista. L’emergenza sanitaria ha rivoluzionato questo aspetto, spingendo le aziende a non sottostimare più lo sviluppo di un canale digitale per le proprie operazioni. Questo ovviamente ha comportato anche un’evoluzione dei servizi di spedizione e di consegna a domicilio, spesso attivati anche da imprese che raramente hanno fornito questi servizi.

Tuttavia le nuove priorità non sono solo queste. Le aziende devono innanzitutto prepararsi al meglio per evitare ulteriori problemi di questo tipo. Una revisione della supply chain, che la renda più flessibile e adattabile ai rischi sarà fondamentale e le imprese più attente si stanno già attivando da questo punto di vista. E altre ancora stanno studiando nuovi modelli di business o cambiando il proprio per prepararsi a estendere la propria offerta di prodotti e servizi.

Tutto questo si rivede nel concetto di “tecnologia a due velocità“, descritto da SAP Italia in conferenza. Fondamentalmente, a seconda della situazione economica, ma anche molto dell’approccio delle compagnie stesse, ci sono realtà che in questo momento stanno semplicemente lottando per sopravvivere. mentre altre stanno già preparandosi a uscirne e affrontare il mondo nuovo che ci si troverà davanti.

Cambiare l’ambiente di lavoro (anche con l’aiuto di SAP Italia)

sap italia trasformazione aziende 2020 covidUn mondo nuovo che con tutta probabilità sarà molto più orientato allo smart working e al lavoro agile. Dopotutto la grande esperienza fatta negli ultimi tempi avrà il suo impatto e non sarà semplice ritornare alla classica routine. I vantaggi sia in termini ecologici che economici non sono pochi e infatti tantissime aziende si stanno già adattando.

Dopotutto dai dati risulta che tra i prodotti tecnologici più venduti ci sono soprattutto quelli utili per questo tipo di attività. Insieme ad essi, ci sono anche quelli relativi alla formazione e lo studio a distanza, a testimonianza di quanto questo cambiamento potrebbe andare oltre il semplice ambiente di lavoro.

Per le aziende che rimarranno con una forte presenza fisica (anche per necessità strutturali) ci sarà comunque necessità di ridurre i contatti tra i dipendenti. Per questo motivo SAP Italia ha sviluppato un’applicazione speciale, che offrirà gratuitamente ai propri clienti in formato open source per adattarsi alle necessità specifiche. Grazie a essa, i dipendenti riceveranno avvisi nel caso in cui le distanze di sicurezza non fossero mantenute. Un aiuto importante, in vista del futuro.

È difficile prevedere davvero cosa accadrà nei prossimi mesi, come abbiamo visto. SAP Italia però invita a tenersi pronti e studiare la situazione, perché potrebbe aprire le porte a nuove appassionanti opportunità.

BUBM, tappetino per mouse impermeabile in similpelle, perfetto da...
  • Il tappetino per mouse in similpelle è grande abbastanza per ospitare sia il mouse che la tastiera, o anche...
  • Protegge una vasta area della scrivania da graffi e schizzi.
  • L'elegante pelle sintetica dona un tocco di eleganza al tuo spazio di lavoro.
  • La microfibra ad effetto pelle è impermeabile, quindi è facile da pulire, basta un panno umido.
  • Il tappetino da scrivania in similpelle è appositamente progettato per essere utilizzato su entrambi i lati,...

Mattia Chiappani

author-publish-post-icon
Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.









 




 

Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link