Panasonic lancia due nuovi modelli di telecamere di sicurezza PTZ a raggi infrarossi della gamma i-PRO EXTREME pensate per essere installate all’esterno dei luoghi di lavoro o comunque dove serve avere un controllo video di aree da gestire in sicurezza. Le due nuove arrivate sono la WV-X6533LN, con un potente zoom 40x, e la WV-S6532LN, con uno zoom 22x . Entrambe catturano immagini in Full HD.

Visone notturna di alto livello con le telecamere di sicurezza PTZ

La principale caratteristiche che accomuna i due modelli di telecamere di sicurezza PTZ a raggi infrarossi di Panasonic è la possibilità di acquisire immagini in condizioni di scarsa illuminazione a una distanza di oltre 350 metri dove assolutamente non c’è luce. (0 lux). Questo grazie alla combinazione di infrarossi e di un nuovo Auto Focus dotato di Cut Filter della luce visibile. che in pratica elimina il problema della presenza di molteplici sorgenti di luce.

Le immagini catturate anche sono possibili grazie all’integrazione di un potente zoom 40x (nel modello WV-X6533LN), abbinato a  una funzione di stabilizzazione intelligente che permette di assorbire le vibrazioni. L’angolo di elevazione di 30 gradi consente alle telecamere di coprire anche strade in pendenza, edifici alti e aree più complesse come i posti a sedere più remoti di una tribuna.

Al riparo dalla intemperie

Visto che le nuove telecamere sono pensate per essere montate all’esterno, l’obiettivo è dotato del rivestimento idrofilo Clear Sight di Panasonic, che ostacola l’accumulo di gocce d’acqua o polvere e la formazione di macchie. Non manca anche uno sbrinatore incorporato che impedisce la formazione di condensa o ghiaccio che possono oscurare l’obiettivo. Le telecamere di sicurezza PTZ sono inoltre fornite con un meccanismo motorizzato Pan/Tilt a lunga durata, che garantisce una durata 4 volte maggiore rispetto ai modelli che impiegano una cinghia di trasmissione tradizionale.

Sicurezza in remoto

Per garantire che i filmati CCTV siano protetti da accessi esterni non autorizzati, le telecamere vengono sottoposte a una valutazione della vulnerabilità e sono fornite di certificato Digicert (in precedenza Symantec), che include la crittografia dei dati end-to-end e la conformità a CAVP FIPS140-2 senza accesso tramite backdoor integrate. Le telecamere impiegano la compressione H.265 e la nuova tecnologia Smart Coding di Panasonic per ridurre il consumo. Infine, la funzione Smart Facial Coding integrata che permette di riconoscere e registrare i volti in alta risoluzione.

AI integrata

La licenza per l’Intelligent Video Motion Detection (i-VMD) è disponibile gratuitamente e permette agli utenti di aggiungere una funzione intelligente alle proprie telecamere di sicurezza. La tecnologia i-VMD può essere impiegata per definire le aree di sorveglianza e individuare comportamenti predefiniti o anomali. Ad esempio, la telecamera determina se qualcuno entra, perde tempo o rimuove oggetti da una determinata area, se un’auto viaggia nella direzione sbagliata su una via a senso unico e procede inviando una notifica all’operatore.


Danilo Loda

author-publish-post-icon