News

VMware: NSX Service Mesh porterà maggiore controllo e sicurezza

VMware ha recentemente annunciato l'arrivo di NSX Service Mesh, la nuova offerta per controllare la sicurezza delle applicazioni

vmware

VMware, azienda impegnata nell’ambito del cloud computing, mobility, networking e sicurezza, ha recentemente annunciato l’arrivo di NSX Service Mesh, il nuovo servizio ideato per offrire maggiore controllo e visibilità alle applicazioni.

Il nuovo servizio di VMware

L’ultima offerta lanciata da VMware andrà ad offrire visibilità, controllo e sicurezza per servizi, dati e utenti a livello di API, obbiettivo fondamentale per i costrutti cloud-native e per l’estensione della piattaforma NSX-T Data
Center di servizi di rete e di sicurezza nel software già firmata dall’azienda.

La soluzione dell’azienda avrà un ruolo fondamentale soprattutto nelle architetture cloud-native, che pongono ogni giorno gli sviluppatori davanti a delle sfide durante la creazione di applicazioni.

Un esempio sono i più linguaggi di programmazione e ambienti cloud su cui si basano i microservizi di cui queste app sono composte, unite alla presenza di più endpoint da scalare, proteggere e monitorare.

Il ruolo di Service Mesh

Per aiutare gli sviluppatori ad affrontare tutte le difficoltà dietro allo sviluppo di applicazioni VMware ha così lanciato Service Mesh, un modo trasparente e indipendente dal linguaggio per osservare, automatizzare, proteggere e controllare i microservizi.

Il servizio della società è infatti stato progettato per gestire più facilmente il traffico controllando il flusso di traffico, le chiamate API tra i servizi, e migliorare la sicurezza gestendo l’autenticazione, l’autorizzazione e la crittografia delle comunicazioni di servizio.

Service Mesh andrà così a fornire tracciabilità, monitoraggio e registrazione di una transazione di servizio, così da ottenere visibilità sullo stato di salute e sulle prestazioni dei microservizi di un’applicazione.

NSX Service Mesh semplificherà inoltre l’onboarding dei cluster di Kubernetes – una delle piattaforme cloud-native più utilizzate attualmente – e federerà tra più cloud e cluster, permettendo al servizio di connettersi al portafoglio della piattaforma NSX per creare un insieme unico di policy, servizi di rete e strumenti di visibilità.

Il risultato derivante dall’applicazione della nuova soluzione della società sarà una rete di servizi che protegge e fornisce visibilità delle app, dei dati e degli utenti attraverso piattaforme applicative cloud-native.

NSX Service Mesh supporterà, dall’inizio del 2019, Cloud PKS, con supporto per PKS, creazione di una mesh federata e piattaforme aggiuntive nel prossimo futuro.

Tags

Maria Elena Sirio

Videogiocatrice dall'infanzia, innamorata del fantasy e dell'avventura (ma, soprattutto, di Nathan Drake), con una passione per il disegno, il cinema e le serie tv, che tenta di conciliare tutti questi interessi con la facoltà di Biotecnologie.

Altro dall'autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker