ict rapporto anitec-assinform

Ricerca e Innovazione nel settore ICT: il punto della situazione
Anitec-Assinform mostra il primo rapporto del settore in Italia: gli investimenti aumentano ma la strada da fare è lunga

2 min


Le imprese ICT (Information & Communication Technology) investono oltre 2,6 miliardi di euro all’anno in Ricerca e Innovazione. Ma c’è ancora molta strada da fare per avere sia eccellenze accademiche e professionali che una cultura digitale diffusa. Questo è quanto emerge alla presentazione del 1° Rapporto sulla Ricerca e Innovazione ICT in Italia, preparata da Anitec-Assinform e APRE. La ricerca è stata presentata al Ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi, il cui intervento ha fatto da apertura alle analisi organizzate dal MUR e Anitec-Assinform.

Le eccellenze accademiche devono trasmettersi al settore ICT

Il Ministro Gaetano Manfredi ha detto che “l ruolo delle competenze è tornato centrale e gli iscritti alle università sono aumentati”. Tuttavia l’Italia sconta ancora un gap con i principali Paesi. Per recuperarlo il Ministro spiega che bisogna anzitutto spingere  molti più giovani, in particolare le donne, a orientarsi verso le facoltà di area STEM”. Al tempo stesso bisogna però “sviluppare le competenze trasversali e diffuse” con contaminazione fra corsi di laurea e con l’industria. Ma il Ministro vuole anche sviluppare al massimo i “dottorati industriali“, per permettere anche alle PMI del settore ICT di accedere al patrimonio di conoscenze coltivato nelle università.

ict ministro manfredi

Nonostante i progressi e l’aumento degli investimenti nel settore ICT (soprattutto da parte delle imprese) l’Italia ha meno ricercatori rispetto ai partner commerciali e tecnologici. Inoltre, l’età media dei ricercatori che trovano occupazione è più alta. Le aziende software e di servizi IT sono quelle che assumono di più nella Ricerca e Sviluppo, mentre nelle telecomunicazioni c’è stata una contrazione.

Fondi pubblici in aumento ma si può ancora migliorare

Nel 2018 i finanziamenti pubblici sono stati di 801,7 milioni di euro, maggiori del 27% su base annua. Questo incremento è percentualmente superiori a quelli di Germania, Francia e Stati Uniti, nonché della media UE. In valore assoluto siamo superiori solo alla Francia, che però ha incentivi fiscali (credito di imposta) per la ricerca. L’aumento è di per sé lodevole ma rimane molta strada da fare. Lo stanziamento pubblico per la ricerca e sviluppo nel settore ICT in Italia è dello 0,045% del PIL, mentre in Germania è del 0,054%. Per raggiungere la Germania, dovremmo investire altri 160 milioni di euro l’anno.

Secondo il rapporto presentato da Anitec-Assinform, ci sono bisogno di tre tipologie di intervento che lo Stato Italiano può mettere in pratica.

  • Interventi a sostegno dell’offerta. Ampliamento dei finanziamenti diretti e delle agevolazioni fiscali per le aziende che investono in ricerca e sviluppo. Serve inoltre potenziare i poli di innovazione, che funzionano molto bene ma sono numericamente molto inferiori alla Germania.
  • Interventi a sostegno della domanda. Innanzitutto serve una rivalutazione della domanda pubblica: la digitalizzazione del Paese passa anche da una PA capace e moderna. Gli incentivi vanno invece adottati in maniera razionale e accurata.
  • Sostegno sulla filiera. Interventi strutturali, che coinvolgano l’università e l’impresa ma anche la società in maniera allargata. Soprattutto servono un mix di strumenti per la governance nell’agglomerazione dei soggetti.

Gli obiettivi sono ambiziosi. Ma i fondi di Horizon Europe possono dare una spinta decisiva nella giusta direzione.

Trovate il rapporto completo in formato PDF a questo indirizzo.

Bestseller No. 1
Lenovo AIO 3 IdeaCentre All in One 3, Display 21.5" Full HD,...
  • Display 21.5" Full HD con risoluzione 1920x1080; con questo schermo godrai di immagini dettagliate e nitide
  • Processore AMD Athlon Silver 3050U (2C / 2T, 2.3 / 3.2GHz, 1MB L2 / 4MB L3); con questo processore si hanno...
  • Storage 256 GB SSD per avere tutto lo spazio necessario dove archiviare i tuoi documenti di lavoro in...
  • 2x 4 GB SO-DIMM DDR4-2400; una RAM ad alte prestazioni
  • Tastiera e mouse USB neri per un design elegante e minimal

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.









 




 

Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link