oracle retail feste 2020

Cosa aspettarci dal mondo retail sotto le feste quest’anno
Il sondaggio di Oracle Retail indaga sulle intenzioni d'acquisto degli italiani: cosa vogliono e come intendono comprarlo

2 min


Oracle si è chiesta cosa ci aspetta nel mondo retail per le feste 2020: in quest’anno in cui l’emergenza ha provocato un’impennata negli acquisti online, cosa può succedere nel periodo in cui si compra di più? Per il mercato B2C diventa fondamentale capire le intenzioni d’acquisto degli italiani, cercando di prevedere quali sono e come vengono acquistati i regali di Natale. Per questo motivo Oracle Retail ha condotto una ricerca globale (incluso il nostro Paese) per aiutare i retailer previdenti a prepararsi per le feste 2020.

Oracle Retail dice cosa aspettarsi dalle feste 2020

La ricerca internazionale condotta da Oracle Retail disegna un quadro di cosa aspettarsi dalle feste 2020. Il sondaggio, che ha coinvolto anche 514 acquirenti italiani rileva che il 23% si aspetta comunque di fare la maggior parte degli acquisti in negozio. Il 52% però adotta un approccio più ibrido: una parte degli acquisti in negozio, un’altra parte online. Il 17% prevede di ordinare online per ritirare in negozio. 

La notizia migliore per i retailer è che il 57% si aspetta di spendere la stessa cifra, se non di più rispetto agli altri anni. Una percentuale tutto sommato positiva, considerando il periodo complicato per l’economia non solo del nostro Paese ma a livello mondiale.

Se l’anno scorso in Europa il 74% dei consumatori prevedeva almeno un reso, quest’anno la percentuale in Italia crolla al 29%: acquisti più ragionati, con meno possibilità che vengano rispediti in negozio.

“Le festività, soprattutto natalizie, mettono a dura prova la capacità dei negozianti di soddisfare la clientela per quanto riguarda la modalità di acquisto“, ha affermato Mike Webster, senior vice president e general manager di Oracle Retail. “Con i clienti che fanno acquisti sia online che in negozio e che utilizzano le nuove opzioni di ritiro dei prodotti – come il recupero in punto fisico o l’acquisto online e il ritiro presso il negozio – i retailer dovranno fare tutto il possibile per soddisfare le aspettative dei clienti”.oracle retail feste 2020 logo-min

La lista dei regali

Oracle Retail ha chiesto agli italiani anche cosa si aspettano di regalare. Regali più oculati, con le gift card che sono nella top 3 e l’elettronica molto gettonata: tutti hanno bisogno di un dispositivo connesso. Questa la classifica:

  • 43% – abbigliamento e beni necessari
  • 29% – elettronica
  • 26% – buoni regalo (gift card)
  • 17% – articoli sportivi / hobby
  • 10% – articoli di lusso (borse, moda e gioielli)

Un’attenzione che i retailer devono prestare è sulla merce a disposizione. Il 32% reputa che l’esperienza d’acquisto peggiore sia scoprire che la merce esaurita. Il 64% non ha la pazienza di aspettare il rifornimento. Un’altra cosa a cui prestare attenzione sono i social: il 49% degli acquirenti conosce nuovi brand in questo modo, due terzi su Instagram. Quindi bisogna puntare su un’ottima gestione del magazzino e un social media marketing intelligente.

Per quanto riguarda gli store online, fondamentale fornire la tracciatura dei pacchi: il 76% vuole essere aggiornato in tempo reale. Una comodità che ormai ci si aspetta da tutti gli store digitali.

Trovate ulteriori informazioni su come prepararvi per le feste sul sito di Oracle.

Novità Apple MacBook Air (13", Chip Apple M1 con CPU 8-core...
  • Chip M1 progettato da Apple, per un nuovo livello di performance della CPU, della GPU e del machine learning
  • Autonomia senza precedenti, con una batteria che dura fino a 18 ore
  • CPU 8‐core fino a 3,5 volte più rapida, per gestire i progetti a velocità mai viste
  • GPU fino a 8‐core, per una grafica fino a 5 volte più veloce nelle app e nei giochi più complessi
  • Neural Engine 16‐core, per un apprendimento automatico evoluto

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.