Pure Storage annuncia di aver aderito alla Anthos Ready Storage Initiative di Google Cloud. Anthos di Google Cloud è una piattaforma di applicazioni ibrida e multi-cloud aperta che offre esperienza di sviluppo e operazioni in ambienti cloud e locali. Questa mossa rappresenta una nuova collaborazione tra le due società dopo l’annuncio della partnership. Le integrazioni tra la piattaforma aperta di Google Cloud e lo storage all-flash Pure consentono alle aziende di investire in soluzioni  apposite per avviare una strategia multi-cloud e permettere data experience moderna.

Anthos Ready Storage Initiative: Pure è un partner qualificato

In qualità di partner qualificato di Anthos, la soluzione basata su driver CSI (Pure Container Storage Interface) consentirà ai clienti di fornire storage come servizio alle loro applicazioni containerizzate sulla piattaforma locale di Google Anthos.

Anthos Ready Storage Initiative“Le strette integrazioni con tecnologie native del cloud che consentono un’esperienza di gestione dei dati senza soluzione di continuità sono un requisito fondamentale per una continua innovazione”, afferma Rob Walters, General Manager of storage-as-a-service. “Mentre le aziende esplorano e sfruttano le moderne architetture applicative pensando alla mobilità del cloud ibrido, lo storage continua ad essere un componente fondamentale. La nostra partnership con Google Cloud offre ai clienti la certezza che continueranno a ottenere il massimo valore dai loro dati con Pure.”

Anthos Ready Storage designa le soluzioni dei partner qualificate da Google Cloud per soddisfare i requisiti definiti per le categorie di soluzioni applicabili.  La Anthos Ready Storage Initiative è per le aziende che sono ottimizzate per lavorare con Anthos di Google Cloud soddisfacendo i requisiti per la categoria di soluzione applicabile. Nello stesso tempo sono invitate da Google Cloud a partecipare alla Anthos Ready Partner Initiative.

Anthos Ready Storage Initiative

“Pure Storage offre soluzioni innovative per l’archiviazione e la gestione dei dati”, afferma Rayn Veerubhotla, direttore delle partnership di Google Cloud. “Siamo lieti di riconoscere queste soluzioni qualificate per Anthos nell’ambito della nostra nuova Anthos Ready Storage Initiative e non vediamo l’ora di lavorare con Pure Storage per guidare il successo dei clienti in ambienti ibridi e multi-cloud”.

Google Kubernetes Engine sfruttabile in locale e in cloud

L’ambiente informatico principale per Anthos si basa su Google Kubernetes Engine (GKE), che consente ai clienti di sfruttare Kubernetes e la tecnologia cloud sia nei loro data center sia nel cloud. Pure Service Orchestrator (PSO) si integra con i framework di orchestrazione dei container come Kubernetes, quindi i clienti possono fornire supporto di archiviazione persistente per applicazioni containerizzate, su richiesta. Pure Service Orchestrator raggruppa più sistemi FlashArray e FlashBlade che supportano array di archiviazione basati su blocchi e file sotto una distribuzione di driver CSI, per consentire il posizionamento intelligente del volume in quel pool.


Danilo Loda

author-publish-post-icon
                  Vuoi rimanere sempre aggiornato?

           Iscriviti alla nostra             Newsletter!

                                  Tranquillo, ti disturberemo solo
                                     una volta al mese...per ora! 👹
Mi iscrivo!
close-link









 




 

 

Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link