velvet media next heroes

Velvet Media presenta Next Heroes, una rivoluzione per le startup
Un think tank di professionisti in un innovation hub completo: ecco come sostenere e lanciare le startup italiane

2 min


Velvet Media presenta Next Heroes, un hub innovativo nato per sostenere le startup italiane. E ce n’è bisogno: dopo solo un anno tre startup su quattro falliscono nel nostro Paese; dopo tre anni solo una su dodici rimane in business. Il motivo quasi mai è il prodotto. Nel 56% dei casi la causa è l’errata gestione del marketing, nel 18%  è perché mancano le adeguate competenze, nel 16% per motivi economici.

Presi in considerazione questi dati Bassel Bakdounes, il titolare dell’agenzia Velvet Media, ha lanciato un anno fa il progetto Next Heroes. “Siamo studi di vedere morire il business innovativo in Italia. E abbiamo trovato la soluzione”.

Next Heroes: la ricetta di Velvet Media per le startup

L’idea di Velvet Media per le startup è Next Heroes, un Innovation Hub che cambia il modo di sostenere le realtà economiche nascenti in Italia. Avviato ormai da un anno, viene oggi reso pubblico.

“Lo Stato italiano non aiuta gli imprenditori, siamo stufi di vedere idee morire e per questo abbiamo risolto il problema alla radice creando un modello totalmente rivoluzionario”, dice Bassel Bakdounes, fondatore dell’hub e titolare dell’agenzia che ospita il progetto nel proprio stabile, Velvet Media. “Nell’ultimo anno abbiamo studiato oltre un centinaio di proposte, ne abbiamo scelte solo una dozzina. In tutto, stimiamo che queste realtà nel 2021 possano fatturare circa 16 milioni di euro. Non a caso, alcuni fondi hanno già chiesto di entrare nella proprietà dell’hub, stiamo portando avanti trattative interessanti. È la prova, anche economica, che le idee possono ancora vincere. L’Italia deve uscire dalla crisi economica causata dal Covid e saranno questi business a salvarla”.

Bassel-Bakdounes-titolare-di-Velvet-Media-6-min
Bassel Bakdounes, founder di Velvet Media

La ricetta di Next Heroes prevede tre punti essenziali:

  1. Il think tank. All’interno dell’innovation hub c’è un gruppo di lavoro costituito da professionisti con conoscenze trasversali. Sono loro a selezionare le startup e a fornire loro il know-how per diventare dei business. Nel team oltre a Bakdounes ci sono Sebastiano Zanolli, Cristiano Ottavian, Candi Chen e Riccardo Scandellari. 
  2. Il luogo. L’edificio in Veneto è lo stesso che ospita Velvet Media. L’azienda dal 2018 sviluppa progetti in ambito marketing e già avviato con successo diverse startup come PMI Vendere Online, All Stars For Good e The Brand Ambassador.
  3. I servizi offerti. Oltre a poter contare su un’infrastruttura di 2.000 metri quadrati a Castelfranco Veneto dotata di open space, sale riunioni, palestra, punti di ristoro e  aree per il networking, le startup possono richiedere molte consulenze. Sviluppo tecnico del prodotto, attivazione di campagne marketing, reclutamento risorse, corsi di formazione. Inoltre, Velvet Media ha 150 dipendenti e sono tutti disponibili a migliorare i progetti di Next Heroes.

“Il Covid sta lentamente uccidendo la nostra economia, per ripartire l’Italia ha bisogno di start up innovative che sappiano pensare un futuro diverso”, conclude Bakdounes. “Siamo certi che l’ecosistema di Next Heroes, amplificato dall’arrivo di fondi di investimento, giocherà un ruolo chiave nella rinascita del tessuto economico italiano già adesso, già durante la pandemia. L’innovazione tornerà di nuovo ad essere il motore dell’economia”.

Novità Apple MacBook Air (13", Chip Apple M1 con CPU 8-core...
  • Chip M1 progettato da Apple, per un nuovo livello di performance della CPU, della GPU e del machine learning
  • Autonomia senza precedenti, con una batteria che dura fino a 18 ore
  • CPU 8‐core fino a 3,5 volte più rapida, per gestire i progetti a velocità mai viste
  • GPU fino a 8‐core, per una grafica fino a 5 volte più veloce nelle app e nei giochi più complessi
  • Neural Engine 16‐core, per un apprendimento automatico evoluto

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.









 




 

Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link