fbpx
NewsSoluzioni

ServiceNow: la nuova release Madrid è votata al mobile

ServiceNow ha annunciato Madrid, la nuova release della Now Platform, release che include capacità native di mobile enterprise che permettono alle aziende di rendere le attività quotidiane mobile first e mobile friendly.

Il lavoro oggi deve essere mobile first e mobile friendly e noi lo rendiamo possibile in maniera semplice – commenta Mauro Solimene, AVP Mediterranean ServiceNow. – Grazie alla nuova release Madrid della Now Platform, i dipendenti IT e customer service possono svolgere le attività attraverso un semplice tocco del dito sullo schermo del telefono. Ma questo è solo l’inizio, continueremo a sviluppare capacità mobile per l’azienda, in modo che l’utilizzo mobile nella vita lavorativa sia facile come quello nella vita personale”.

Le novità di Service Now Platform

Come accennavamo poco sopra, la nuova release di Service Now Platform nasce per adattarsi a quello che ormai è un didact del mondo moderno: il mobile first. Insomma, le esperienze native mobile sono ormai centrali, ma anche vantaggiose. Il motivo? Semplice: possono sfruttare le funzioni integrate del dispositivo, come mappe e fotocamera, senza richiedere alcun hardware aggiuntivo.

Le innovazioni mobile consentono poi di indirizzare le richieste facilmente, a prescindere dal luogo in cui si trova, e di risolvere le criticità per mezzo del proprio smartphone, risparmiando tempo e risorse. La nuova release permette poi di dare supporto ai dipendenti ovunque si trovino, aprendo un ticket in pochi secondi sia da mobile che dal web, utilizzando anche chat o programmi esterni come Facebook Workplace, Slack e Microsoft Team.

Il nuovo ServiceNow Mobile Studio aiuta chiunque sia interessato a creare e distribuire app native iOS e Android, utilizzando strumenti no-code ed un’interfaccia drag-and-drop. I dipendenti inoltre possono utilizzare app con capacità di scrittura e lettura ovunque, anche quando sono offline.

Madrid inoltre aiuterà le aziende a gestire la digital transformation. Come? Agent Workspace, ad esempio, aiuta ad ottenere velocemente insight più approfonditi per risolvere rapidamente le criticità, mentre Alert Intelligence aiuta l’IT a focalizzarsi su ciò che conta maggiormente.

Service Now ha poi migliorato l’automazione ITSM, così ora l’IT può integrare modifiche mediante processi DevOps utilizzando una Rest API nativa, automatizzare i processi di approvazione manuale e abilitare percorsi di audit per una governance migliore. Portfolio Scaled Agile Framework invece consente alle aziende di catturare, analizzare e approvare nuove iniziative, allineando la strategia aziendale al portfolio.

Per saperne di più vi invitiamo a visitare il sito ufficiale di Service Now.

Tags

Team di redazione

L'account della redazione di Tech Princess e Tech Business.

Altro dall'autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker